Translate

FESA DI TACCHINO RIPIENA DI CARCIOFI


Buongiorno a tutti,                        io cucino spesso la carne di tacchino, ma questa ricetta con i carciofi, sicuramente è la versione che preferisco. Non è semplice tagliare la fesa a libro, quindi potete farla tagliare dal vostro macellaio oppure se avete una certa abilità in cucina, con un pò di pazienza ed un coltello ben affilato si può fare tranquillamente a casa. 
Per questo piatto vi consiglio di abbinarci  un vino rosato secco, fragrante di buona acidità.
Alto Adige Schiava gentile.


INGREDIENTI PER 8 PERSONE
TEMPO: 1 ORA E 30 MINUTI

900    gr        di fesa di tacchino
 30     gr        di grana grattugiato
   6                 scalogni
   4                 carciofi
   1                 uovo
1/2                 bicchiere di vino bianco secco
pangrattato, prezzemolo, olio evo, sale e pepe.

PROCEDIMENTO:

  1. Mondate i carciofi conservando una parte di gambo, 5 cm, metteteli in una casseruola con 3 cucchiai di olio, mezzo bicchiere di vino bianco, sale e un bel ciuffo di prezzemolo. Mettete il coperchio e fate cuocere dolcemente per 10'.
  2. Tagliate a libro la fesa di tacchino e battetela in modo da renderla abbastanza sottile, salate e pepate un pò la vostra fetta di carne.
  3. Scolate i carciofi dal liquido di cottura e tritateli finemente; raccoglieteli in una ciotola e amalgamateli con l'uovo, il grana e 2 cucchiai di pangrattato, una presa di sale e pepe.
  4. Distribuite la vostra farcia sulla fetta di fesa che avrete tagliato in precedenza. Arrotolate poi la vostra fetta di carne e formate un rotolo, legate la carne con uno spago da cucina.
  5. Disponete il rotolo in una casseruola con 3 cucchiai di olio e fate rosolare sulla fiamma vivace per 2' per ogni lato; poi unite gli scalogni a spicchi, bagnate con un bicchiere di vino e un mestolo di brodo; portate a ebolizzione coperchiate e riducete la fiamma. Cuocete per 50' girando di tanto in tanto il rotolo, aggiungendo il brodo se fosse troppo asciutto.
  6. Servite il rotolo a fette con il suo fondo di cottura e un trito di prezzemolo.
 Arrivederci alla prossima ricetta!



Post Comment
Posta un commento

Cerca nel blog